domenica 17 novembre 2013

L'alcol è una droga

http://alcol.dronet.org/sostanza/oms.html

L'alcol è uno dei principali fattori di rischio per la salute. Bere alcolici rappresenta una libera scelta individuale, ma è necessario essere consapevoli del fatto che può rappresentare comunque un rischio per la propria salute, per quella dei familiari e anche dei colleghi di lavoro.
L'alcol può esporre a forti rischi di incidenti o infortuni anche in conseguenza di un singolo ed occasionalmente episodio di consumo, spesso erroneamente valutato come innocuo per la salute e per la propria performance. 
In Italia almeno 30.000 persone ogni anno muoiono a causa dell'alcol per malattie, suicidi, omicidi, incidenti stradali e domestici, infortuni in ambito lavorativo.
Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità ( OMS) annuali, sociali e sanitari legati alle conseguenze dell'alcol, sono pari al 2-5% del Prodotto Interno Lordo (PIL) di ogni Paese.

Consiglio visitare questo link http://www.istat.it/it/archivio/59033 per tenerci aggiornati con i nuovi dati dell'Istat sul alcol. Questo sito mi ha colpito particolarmente perché  all'interno c'è un software che legge ciò sta scritto sotto per aiutare i ragazzi dislessici.


No Alcohol
http://commons.wikimedia.org/wiki/File:No_Alcohol.png?uselang=it

10 commenti:

  1. l'argomento dell'alcol è interessante, buon lavoro, cerca di articolarlo al meglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cercherò di fare del mio meglio. Grazie

      Elimina
  2. Hai proprio ragione! L'alcol è una droga!
    E' davvero brutto vedere persone che si rovinano la vita in questo modo, senza poi contare il fatto che potrebbero rovinare anche quella degli altri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti al giorno d'oggi bisogna stare attenti di più agli altri che a se stessi, soprattutto per mquando riguarda gli incidenti stradali.

      Elimina
  3. Ciao Doina, purtroppo l'alcoolismo è un problema in crescita, sopratutto tra i giovani. è molto triste sentire di giovani che finiscono in coma etilico, oppure di incidenti causati da persone in stato di ebrezza. Credo che campagne pubblicitarie possano essere utili, ma sarebbe utile anche lavorare direttamente nelle scuole, dedicando momenti su queste tematiche

    RispondiElimina
  4. Eh si Doina è proprio una droga e come tale crea dipendenza!

    RispondiElimina
  5. Ciao Doina.. dunque mi è piaciuto molto che tu abbia parlato di questo argomento.. avendo fatto il tirocinio al Ser.T nella mia città, ho avuto esperienze in prima persone con tossicodipendenti e alcolisti.. Durante il tirocinio mi è stata data la possibilità di entrare a far parte di un gruppo di ex alcolisti che si incontrano una volta a settimana e fanno un pò il resoconto di come è trascorsa quella precedente... mi sono accorta di come questa sostanza possa veramente rovinarti la vita se ne abusi.. Il problema più grande sta inoltre nei media..soprattutto nelle pubblicità che ci tartassano ogni giorno e che senza farci caso sono indirizzate a fasce d'età differenti... e nonostante uno dica "non mi interessa" ... "le pubblicità non mi influenzano", grazie a giornate di prevenzione svolte all'interno di una scuola superiore, mi sono accorta che invece le colonne sonore, i colori, i disegni, e le cose che vengono detti in certi tipi di pubblicità.. influenzano e istigano a provare la sostanza inevitabilmente...

    RispondiElimina
  6. Tema molto importante che purtroppo colpisce gran parte dei giovani d'oggi! Tema che deve fare riflettere.

    RispondiElimina
  7. Speriamo che im mio tema susciti interesse per il bene di ognuno di noi e dell'intera popolazione!

    RispondiElimina